TDS Enter Now

Genova Running

martedì 22 gennaio 2019

La Mezza delle Due Perle e la letteratura - comunicato


LA MEZZA DELLE DUE PERLE E LA LETTERATURA
Forse non tutti sanno che la Mezza delle due perle, in programma per la 14° edizione domenica 3 febbraio a Santa Margherita Ligure, è entrata non solo nel cuore dei podisti, ma anche di scrittori e attori. Giovanni Storti, noto anche come comico del trio “Aldo, Giovanni e Giacomo”, ha dedicato alla corsa ligure pagine piacevoli nel libro “Corro perché mamma mi picchia”, un divertissement dove ci sono passaggi che illustrano le bellezze panoramiche, da sempre un punto fermo della corsa internazionale di 21,096 chilometri. Da sempre il Tigullio ha rappresentato un motivo di fascinazione per le vacanze di milanesi e lombardi: merito della Due Perle è stato la rivitalizzazione sportiva di un comprensorio turistico in un periodo di bassa stagione. La Mezza delle Due Perle e due “perle” della Maratona mondiale: Stefano Pampuro, scrittore genovese,  ha scritto “Ogni corsa è un viaggio” parlando del momento d’oro della maratona spagnola , di quella generazione di fenomeni che dominò le scene a cavallo degli anni novanta. Martin Fiz e Abel Anton conquistarono quattro titoli (europei e mondiali) in due, lanciando la “via spagnola” alla corsa di maratona. Il libro di Pampuro dedica l’ultimo capitolo a Fiz e Anton in versione di agguerriti master, che corrono la Due Perle 2017 con lo spirito agonistico di sempre. Anche se piove, la gara è bella, proprio perché è un viaggio alla scoperta di se stessi a 50 anni. E i grandi campioni iberici si scoprono innamorati di Santa Margherita e del suo percorso. La corsa è anche citata nella pubblicazione: “Le corse di mezza maratona più belle del mondo”; lo dice il nome stesso: il territorio , i suoi scenari marini ma anche montani, hanno reso la competizione unica nel suo genere. Sarà così anche domenica 3 febbraio.

Danilo Mazzone- Addetto Stampa

Nessun commento:

Posta un commento